Il carrello sognatore

 _______________________________________________________________________________________________________________

 

 

olio su tela 30x60 cm del 2012 il quadro fa parte della serie di opere dedicate alla prevenzione nei luoghi di lavoro dal titolo  "MOviMENTI PERICOLOSI". Il dipinto è stato utilizzato per la copertina della lista di controllo sotto menzionata.

  ______________________________________________

Per approfondimenti:

Lista di controllo carrelli semoventi - clicca qui

Adeguamento carrelli elevatori - clicca qui

Controlli periodici - clica qui

 

Rischi connessi all'uso dei carrelli elevatori

L'uso del carrello elevatore, spesso chiamato anche muletto, è molto consueto nei depositi e magazzini delle ditte di diversi settori; rappresenta un aiuto molto importante per la movimentazione di carichi pesanti, spesso è l'unico sistema possibile. La guida del carrello può sembrare molto semplice anche per un principiante, i comandi sono facili e riconoscibili, uno sterzo per svoltare, l’acceleratore, i freni, le leve di comando che bene riportano con targhette l’indicazione del movimento che generano sulle “forche”; nonostante questo la guida richiede una formazione e addestramento del conducente con corsi qualificati e specifici.

L’uso di questi mezzi porta con se una casistica di infortuni molto numerosa e a volte tragica. Gli infortuni più drammatici accadono per il ribaltamento del carrello, questo può verificarsi perché il mezzo ha una superficie di base moto piccola rispetto alla sua altezza, dunque affrontare curve a velocità non idonea, con il carico alzato, o perché lo si manovra su pavimenti sconnessi e/o non in piano, può rivelarsi molto pericoloso. Quando accade questo il conducente viene proiettato fuori dal posto di guida dalla stessa parte dove il carrello si sta ribaltando, accade che il tettuccio della macchina colpisca fatalmente il conducente schiacciandolo al suolo. Per ridurre questo rischio è previsto almeno l’uso di cinture di sicurezza per il conducente ma esistono anche sistemi di trattenuta che potrebbero rivelarsi più corretti, soprattutto perchè non legati alla volontà e all'impegno del conducente; esempio di questo sono i cancelletti di sicurezza che trattengono l’operatore nell’abitacolo.

Nell’utilizzo, il muletto, presenta anche altri rischi: in prima analisi quelli derivanti dall’uso improprio del carrello per eseguire operazioni non previste dal costruttore, come sollevare persone sulle forche o altro; ma non può essere dimenticato il rischio di investimento di altri lavoratori durante gli spostamenti. Pertanto per l'uso nelle aziende, si dovrà prendere in considerazione soluzioni quali delimitare le zone per il movimento dei carichi e quello dei pedoni, tenere velocità moderate, fare particolare attenzione alle manovre, al movimento in retromarcia, ecc.. Un altro aspetto da non sottovalutare è l’importanza di come si dispongono i carichi in deposito e in altezza per evitare che il materiale possa poi cadere o investire persone.

Tutto questo denota una importanza strategica: quella di investire sulla formazione, addestramento del conducente, comunque obbligatori. Il CONDUCENTE NON PUO’ ESSERE CHIUNQUE!!.

 Come in tutte le macchine, le modalità d’uso corrette devono essere indicate nel libretto d’uso e manutenzione fornito insieme alla dichiarazione di conformità CE (obbligatorio per quelle costruite dopo il 1996) al momento dell’acquisto. Infine deve essere ricordato che la manutenzione di queste macchine ha una importanza cruciale, ci sono parti importanti che hanno un consumo indubbio come gomme, freni, batterie ecc. pertanto è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni del costruttore e comunque effettuare verifiche periodiche di funzionamento e manutenzione.

 

 

 

 

 

Joomla templates by a4joomla